Mar 252015
 

Il noto decreto “Sblocca Italia”, legge n. 164/2014, prevede che il frazionamento immobiliare, al pari dell’accorpamento, potrà essere realizzato mediante una semplice CILA (comunicazione di inizio lavori asseverata da un progettista), rientrando appieno nella categoria d’intervento della manutenzione straordinaria.

La conseguenza non è di poco conto dato che la natura della C.I.L.A. è squisitamente amministrativa, la cui mancanza non comporta la demolizione e non costituisce reato penale.

Tutto ciò potrà avvenire a condizione che:

la destinazione d’uso non venga modificata sia in fase di frazionamento che di accorpamento;

non vi sia aumento della volumetria passando dal corpo di fabbrica iniziale a quello finale;

non vi sia variazione del carico urbanistico, per cui le trasformazioni non debbono determinare anche un aumento di superficie calpestabile che genera l’erogazione di maggiori servizi (necessità di più acqua, più fognatura, più parcheggi……).

A lavori saranno ultimati si potrà inviare al Comune anche una comunicazione di fine lavori.

Il Responsabile del Servizio

Ing. Maurizio Medori

Condividi

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di profilazione di terze parti al fine di migliorare l'esperienza degli utenti e di inviare messaggi pubblicitari e informativi rispettando le preferenze dell'utente e le modalità descritte nell'informativa estesa nella quale puoi negare il consenso al loro utilizzo.
Proseguendo la navigazione accetti l'uso dei cookie. Leggi informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi