Cristina Rubicini

Dic 192018
 

Nelle more dell’approvazione della nuova graduatoria e dell’individuazione dei beneficiari del finanziamento regionale secondo le Linee Guida di cui alla suddetta DGR n. 1696/2018, viene consentito ai beneficiari della progettualità 2018 di cui alla DGR n.1360/2017 di proseguire il proprio percorso di vita indipendente per il periodo gennaio/maggio 2019.
A tal fine i suddetti beneficiari devono far pervenire al Servizio Politiche Sociali e Sport della Regione Marche, entro e non oltre il 14 gennaio 2019, la conferma o l’eventuale rinuncia a dar continuità al proprio Progetto personalizzato per i mesi da gennaio a maggio 2019, utilizzando una delle seguenti modalità:

  1. a mano presso l’Ufficio protocollo del Servizio Politiche Sociali e Sport della Regione Marche – Palazzo Rossini Via Gentile da Fabriano, 3 – 60125 Ancona;
  2. a mezzo raccomandata A/R al seguente indirizzo: Regione Marche – Servizio Politiche Sociali e Sport – Via Gentile da Fabriano, 3 – 60125 Ancona;
  3. tramite posta elettronica certificata (PEC) al seguente indirizzo: marche.politichesociali@emarche.it

A coloro che confermeranno la volontà di proseguire verrà concesso lo stesso contributo assegnato nell’anno 2018, ricalcolato proporzionalmente per le cinque mensilità gennaio/maggio 2019.

Scarica gli allegati.

DGR n. 1696 del 10.12.2018

Linee Guida

Allegato D scala Barthel

Allegato E_domanda alla Regione

Allegato E1_domanda alla Regione

Allegato F_scheda verifica annuale

Allegato G_rendicontazione

Allegato H_dichiarazione enti locali

DDS n. 266 del 18.12.2018

Allegato A _avviso pubblico Vita Indipendente regionale 2019

Allegato C_progetto personalizzato

Condividi
Dic 122018
 

Livello di allarme CODICE ROSSO : Per fronteggiare lo stato di emergenza idrica, dovuto alle scarse precipitazioni ed alle modifiche alle sorgenti conseguenti agli eventi sismici del 2016, si ritiene necessario ed urgente sensibilizzare l’utenza al contenimento dei consumi, raccomandando quindi a tutta la cittadinanza di utilizzare l’acqua con parsimonia per le sole esigenze igienico – potabili.

Utilizzi non consentiti quali innaffiare orti e giardini, cortili, lavare automezzi, pulire strade, marciapiedi, ecc. con l’acqua potabile sono proibiti. Ai trasgressori verranno applicate sanzioni fino ad €500,00.

L’azienda sta monitorando la situazione.

Condividi

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di profilazione di terze parti al fine di migliorare l'esperienza degli utenti e di inviare messaggi pubblicitari e informativi rispettando le preferenze dell'utente e le modalità descritte nell'informativa estesa nella quale puoi negare il consenso al loro utilizzo.
Proseguendo la navigazione accetti l'uso dei cookie. Leggi informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi