Mar 282013
 

Acquaviva Picena li, 23.03.2013
OGGETTO: avviso pubblico del 22.01.2013, avente scadenza alle ore 13 del 23.02.2013 per "collaborazione professionale per istruttoria e definizione delle pratiche di condono edilizio".

Verbale

Nei termini previsti dal bando sono pervenute n. 20 domande.
Il giudizio è stato formulato sulla scorta dei seguenti criteri:
a) – completezza della documentazione presentata e inesistenza di cause di esclusione;
b) – esperienza maturata nel settore urbanistica;
c) – particolare esperienza maturata nel campo dei condoni edilizi;
d) – offerta economica.
Su scorta dei criteri di cui sopra è risultato:
1. – le seguenti offerte sono state escluse per incompletezza in quanto carenti della domanda di partecipazione prevista dalla lett. a) dell'avviso pubblico di invito, costituente causa di esclusione:
– istanza n. 11 prot. 1436 del 20.02.2013 intestata al geom. S. P.: non esiste domanda di partecipazione, ma solo una dichiarazione di accettare i termini del bando senza però chiedere di prendere parte alla gara; l'esperienza in materia urbanistica non è emersa dal curriculum presentato, in quanto sono state elencate e risultano maturate esperienze in altri settori diversi da quello specificamente in esame;
– istanza n. 13, prot. 1475 del 21.02.2013 intestata ad arch. C. M.: non esiste domanda di partecipazione, ma solo l'offerta della propria collaborazione professionale, senza però chiedere di prendere parte alla gara; l'esperienza in materia urbanistica non è emersa dal curriculum presentato, in quanto sono state elencate e risultano maturate esperienze in altri settori diversi da quello specificamente in esame;
– istanza n. 14, prot. 1496 del 22.02.2013 intestata a arch. T. L.: non esiste domanda di partecipazione, ma solo una dichiarazione di dati generali, senza però chiedere di prendere parte alla gara; l'esperienza in materia urbanistica non è emersa dal curriculum presentato, in quanto sono state elencate e risultano maturate esperienze in altri settori diversi da quello specificamente in esame;
– istanza n. 19, prot. 1502 del 22.02.2013 intestata ad ing. I. C.: non esiste domanda di partecipazione, ma solo una proposta – offerta di collaborazione, senza però chiedere di prendere parte alla gara; l'esperienza in materia urbanistica non è emersa dal curriculum presentato, in quanto sono state elencate e risultano maturate esperienze in altri settori diversi da quello specificamente in esame;
2. – le seguenti domande non sono state utilmente classificate in quanto è risultata assente o estremamente vaga e comunque non definita la precedente esperienza maturata nel settore urbanistica:
– istanza n. 03, prot, 1195 del 11.02.2013 intestata a geom. G. T.: l'esperienza in materia urbanistica è restata estremamente vaga e fatta discendere unicamente e solo dallo studio effettuato su libri, ma non derivata da pratica diretta delle problematiche del settore;
– istanza n. 05, prot. 1320 del 14.02.2013 intestata ad ing. B. S.: l'esperienza in materia urbanistica non è emersa dal curriculum presentato, in quanto sono state elencate e risultano maturate esperienze in altri settori diversi da quello specificamente in esame;
– istanza n. 08, prot. 1432 del 20.02.2013, intestata a ing. M. L.: l'esperienza in materia urbanistica non è emersa dal curriculum presentato, in quanto sono state elencate e risultano maturate esperienze in altri settori diversi da quello specificamente in esame;
– istanza n. 09, prot. 1435 del 20.02.2013, intestata ad arch. A. S.: l'esperienza in materia urbanistica non è emersa dal curriculum presentato, in quanto sono state elencate e risultano maturate esperienze in altri settori diversi da quello specificamente in esame;
– istanza n. 10, prot. 1434 del 20.02.2013, intestata ad arch. D. D. M.: l'esperienza in materia urbanistica non è emersa dal curriculum presentato, in quanto sono state elencate e risultano maturate esperienze in altri settori diversi da quello specificamente in esame;
– istanza n. 15, prot. 1497 del 22.02.2013, intestata ad ing. R. A.: l'esperienza in materia urbanistica non è emersa dal curriculum presentato, in quanto sono state elencate e risultano maturate esperienze in altri settori diversi da quello specificamente in esame;
– istanza n. 16, prot. 1499 del 22.02.2013, intestata a geom M. V.: l'esperienza in materia urbanistica non è emersa dal curriculum presentato, in quanto sono state elencate e risultano maturate esperienze in altri settori diversi da quello specificamente in esame;
3. – le seguenti domande sono state classificate, in relazione a precedenti esperienze in tema di condoni edilizi:
– istanza n. 01, prot. 1133 del 8.02.2013, intestata ad arch. A. L.: non sono state riportate precedenti esperienze nel campo dei condoni edilizi;
– istanza n. 04, prot. 1227 del 12.02.2013, intestata ad arch. D. O.: non sono state riportate precedenti esperienze nel campo dei condoni edilizi;
– istanza n. 07, prot. 1403 del 19.02.2013, intestata a geom. L. C.: non sono state riportate precedenti esperienze nel campo dei condoni edilizi;
– istanza n. 20, prot. 1504 del 22.02.2013, intestata ad ing. M. L. P.: non sono state riportate precedenti esperienze nel campo dei condoni edilizi;
4. – le seguenti stanze sono state ammesse in relazione all'offerta economica presentata:
– istanza n. 02, prot. 1134 dell'8.02.2013 intestata ad arch. D. P.: ribasso del 38,50%, integrare la pratica con documentazione di identità più leggibile;
– istanza n. 06, prot. 1355 del 16.02.2013 intestata ad arch. R. T.; ribasso del 22,22%;
– istanza n. 12, prot. 1470 del 21.02.2013 intestata ad arch. P. D. F.: ribasso del 30%;
– istanza n. 17, prot. 1500 del 22.02.2013 intestata ad arch. T. S.: ribasso del 26,10%;
– istanza n. 18, prot. 1501 del 22.02.2013 intestata a R.T.P.: ribasso del 35%..
5. In conseguenza di quanto sopra determinato, viene fissata la seguente graduatoria provvisoria:
– istanza n. 02, prot. 1134 dell'8.02.2013 intestata ad arch. D. P.: ribasso del 38,50%;
– istanza n. 18, prot. 1501 del 22.02.2013 intestata a R.T.P.: ribasso del 35%..
– istanza n. 12, prot. 1470 del 21.02.2013 intestata ad arch. P. D. F.: ribasso del 30%;
– istanza n. 17, prot. 1500 del 22.02.2013 intestata ad arch. T. S.: ribasso del 26,10%;
– istanza n. 06, prot. 1355 del 16.02.2013 intestata ad arch. R. T.; ribasso del 22,22%;
a seguire le offerte del precedente punto 3:
– istanza n. 04, prot. 1227 del 12.02.2013, intestata ad arch. D. O.: ribasso 36%;
– istanza n. 20, prot. 1504 del 22.02.2013, intestata ad ing. M. L. P.: ribasso 31%..
– istanza n. 01, prot. 1133 del 8.02.2013, intestata ad arch. A. L.: ribasso 20%;
– istanza n. 07, prot. 1403 del 19.02.2013, intestata a geom. L. C.: ribasso 15%;
Il presente verbale, in applicazione della determinazione responsabile Servizio n. 4, del 28.12.2012 n. 157, concerne l'esame completo di n. 28 domande di condono, verrà pubblicato sul sito del Comune di Acquaviva Picena.

Il Responsabile del Servizio n. 3
Ing. Maurizio Medori

Condividi
 Scritto da alle 10:54
Mar 272013
 

AVVISO PUBBLICO
ASSISTENZA DOMICILIARE INDIRETTA AL DISABILE IN
SITUAZIONE DI PARTICOLARE GRAVITA'
Anno 2013

Presentazione della domanda di riconoscimento dello stato di particolare gravità della persona disabile per l'ammissione al contributo regionale.
D.G.R. n. 284/2013 ad oggetto: "L. 104/92 – L. 162/98 – L.r. 18/96e s.m.i – Assistenza domiciliare indiretta al disabile in situazione di particolare gravità – Criteri attuativi 2013."
D.D.S.P.S.n. 31/SPO del 08/03/2013 ad oggetto." DGR n. 284/2013 – Assistenza domiciliare Indiretta al disabile in situazione di particolare gravità. Modalità e tempi di applicazione dei criteri – Anno 2013.
L'intervento consiste in un contributo economico per l'assistenza domiciliare indiretta fornita da un familiare, convivente o non con il disabile in situazione di particolare gravità, ovvero da un operatore esterno individuato dal disabile stesso
o dalla famiglia.
– Ai fini del riconoscimento, l'intervento riguarda solo le persone disabili già riconosciute in situazione di gravità ai sensi dell'articolo 4 della legge 104/92 che, alla data del 31 dicembre dell'anno precedente a quello dell'assegnazione del contributo regionale, abbiano compiuto tre anni e non abbiano compiuto 65 anni di età e per le quali un'apposita Commissione sanitaria provinciale abbia valutato la presenza di disabilità in situazione di particolare gravità.
– Sono escluse le disabilità conseguenti a : a) malattie di Alzheimer; b) malattie di tipo psichiatrico; c) neoplasie; d) AIDS.
– Sono inoltre esclusi: a) i soggetti ospiti di strutture residenziali o semiresidenziali di qualsiasi tipo;
b) i soggetti inseriti nei centri socio-educativi diurni di cui all'art. 13 L.r. 18/1996 per i quali la competente UMEA, sulla base di un piano educativo individualizzato, ne abbia previsto l'inserimento per più di 20 ore settimanali c) i soggetti che beneficiano del contributo regionale previsto per il progetto "Vita Indipendente" d) i soggetti che beneficiano del contributo previsto per le persone affette da Sclerosi Amiotrofica Laterale (SLA).
Ai fini del riconoscimento dello stato di particolare gravità, la persona disabile o la sua famiglia (in possesso dell'attestazione di cui all'art.4 della L.104/92, ove sia riconosciuto lo stato di gravità) presenta domanda, entro il 6 Maggio 2013, al Presidente della Commissione sanitaria provinciale presso il Servizio di Medicina Legale dell'Area Vasta n. 5 di Ascoli Piceno – via degli Iris n. 1 – che provvede a sottoporre a visita la persona disabile.
Al disabile al quale viene riconosciuta la situazione di particolare gravità, o alla sua famiglia, viene inviata copia del  verbale da parte della predetta Commissione sanitaria. Il disabile o la sua famiglia devono poi prendere contatti con il proprio Comune di residenza ai fini dello svolgimento dei successivi adempimenti.
Coloro che sono stati già riconosciuti in situazione di particolare gravità negli anni precedenti non devono rifare domanda di visita presso la predetta Commissione provinciale.
La quantificazione del monte ore settimanale assegnabile a ciascuna persona compete al Comune unitamente alla competente Unità Multidisciplinare, sulla base di un'apposita scheda predisposta dal Servizio Politiche Sociali della Regione Marche.
Chiunque intenda presentare la domanda può rivolgersi al Comune di appartenenza affinché il referente del servizio possa fornire idonee informazioni ed eventualmente indirizzare a visita coloro che siano in possesso dei requisiti di cui al presente beneficio.
Il modello di domanda per il riconoscimento dello stato di particolare gravità è a disposizione presso il proprio Comune di residenza oppure presso il Servizio di Medicina Legale dell'Area Vasta n. 5 di Ascoli Piceno o presso le Unità Multidisciplinari (UMEE – UMEA) dell'Area Vasta n. 5 di San Benedetto del Tronto.

San Benedetto del Tronto, 21 marzo 2013
AREA VASTA n.5 di San Benedetto del Tronto
Direttore di Distretto                                                                                                                                                             (dott.ssa Giovanna Picciotti)
Ambito Territoriale Sociale n.21
Il Coordinatore
(dott. Antonio De Santis)

Condividi
 Scritto da alle 10:22
Mar 262013
 

BANDO D'ASTA PUBBLICA
PER LA CESSIONE DELLE QUOTE DI PROPRIETA' DEL COMUNE DI SEFRO (51%) DELLA SOCIETA' MISTA A PREVALENTE CAPITALE PUBBLICO "FARMACIA COMUNALE DI SEFRO S.R.L." E CONSEGUENTE TRASFERIMENTO DELLA TITOLARITA'

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO RENDE NOTO

che il giorno 15 aprile 2013 alle ore 12,00 avrà luogo, presso l'Ufficio di Segreteria del Comune di Sefro (MC) in P.zza Bellanti 1, asta pubblica per la cessione della quota sociale di proprietà di detto Comune (51%) della Società "Farmacia comunale di Sefro s.r.l." con sede in Sefro, Piazza Bellanti 1, p.iva 01658660434 nonché della titolarità della farmacia stessa.

Per maggiori informazioni scarica gli allegati.

Condividi
 Scritto da alle 10:28
Mar 262013
 

In data odierna è uscito il Bando per concessione contributo una tantum agli iscritti all'università, lavoratori o figli di lavoratori che si trovano da almeno tre mesi in disoccupazione, mobilità, cassa integrazione ordinaria, straordinaria e in deroga Decreto n. 29 del 21/3/2013 della PF Istruzione Formazione Integrata Diritto allo Studio e Controlli di primo livello.

Una misura anticrisi a favore degli studenti universitari lavoratori o figli di lavoratori in stato di disoccupazione o in mobilità (autocertificazione) o cassa integrazione ordinaria, straordinaria o in deroga o stato di sospensione EBAM (comprovata da dichiarazione del datore di lavoro) da almeno tre mesi dalla data del bando.

Possono presentare domanda gli studenti universitari residenti nelle Marche ed iscritti nell'a.a. 2012/2013 a: Corsi di laurea di primo livello, corsi di laurea di secondo livello, corsi di laurea a ciclo unico/magistrale (sono inclusi i corsi di laurea del vecchio ordinamento attivati prima del DM 509/99) presso Università e AFAM delle Marche o presso Università e AFAM di altre Regioni (vedi art. 4 del Piano sul diritto agli studi universitari – Delibera Amministrativa del Consiglio Regionale n. 50 del 5/6/2012). Sono esclusi i corsi di terzo livello.

Possono accedere tutti coloro che possiedono una ISEE del nucleo familiare non superiore al limite massimo di 30.000,00€ (riferito alle dichiarazioni dei redditi 2012, periodo di imposta 2011).

Le domande saranno finanziate sulla base della graduatoria determinata dai valori ISEE, decurtati come da bando.

La domanda di contributo deve essere presentata utilizzando la procedura di invio telematico e cartaceo, seguendo le istruzioni disponibili all'indirizzo internet pubblicato nella sezione bandi del sito http://www.istruzioneformazionelavoro.marche.it. La compilazione on line sarà attiva a partire dal 28/3/2013 e fino al 2/5/2013.
Alla domanda cartacea vanno allegati:
1) la copia fotostatica di un documento di riconoscimento in corso di validità,
2) Autocertificazione sullo stato di disoccupazione o di mobilità con specifica della decorrenza oppure la dichiarazione del datore di lavoro comprovante la concessione della cassa integrazione ordinaria, straordinaria o in deroga o stato di sospensione EBAM con specifica della decorrenza – datati successivamente al 19/3/2013.

Le domande in forma cartacea vanno trasmesse per raccomandata AR entro il 2/5/2013 compreso (fa fede il timbro postale), al seguente indirizzo:
REGIONE MARCHE
P. F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO
VIA TIZIANO, 44
60125 ANCONA

Il bando è consultabile nel portale: www.istruzioneformazionelavoro.marche.it , nel sito istituzionale della Regione Marche e sarà pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Condividi
 Scritto da alle 08:28

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di profilazione di terze parti al fine di migliorare l'esperienza degli utenti e di inviare messaggi pubblicitari e informativi rispettando le preferenze dell'utente e le modalità descritte nell'informativa estesa nella quale puoi negare il consenso al loro utilizzo.
Proseguendo la navigazione accetti l'uso dei cookie. Leggi informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi